mercoledì 18 luglio 2018

REVIEW TOUR - "Dentro Il Tuo Respiro" di Annamaria Bosco

Buongiorno miei carissimi lettori, come state? Siete già in vacanza? Oppure state facendo il countdown all'inizio delle vacanze? Oggi vi parlo di questo gioiellino: Dentro il Tuo Respiro di Annamaria Bosco edito Les Flaneurs Edizioni. Io sono al mare, ormai da due settimane e non posso essere più felice. Leggo, scatto foto e fantastico su nuovi articoli per voi. A breve ci sarà un nuovo articolo dedicato ai Consigli di Martina: I 5 libri perfetti da leggere sotto l'ombrellone. Vi ricordo che se volete comprare i libri che vi consiglio, vi chiedo gentilmente se potete farlo attraverso i link che vi lascio siccome sono affiliata ad Amazon. A voi non cambia nulla, non pagate nulla di più, ma se fate i vostri acquisti tramite i miei link, Amazon mi da un piccola percentuale del prezzo di copertina del libro. I soldi guadagnati, mi servono per alimentare il blog. Grazie per il supporto.


Titolo: Dentro il tuo respiro
Autore: Annamaria Bosco
Casa Editrice: Les Flaneurs Edizioni
Data di uscita: 28 Giugno 2018
Genere: Contemporary Romance
Serie: Breathless Series #1
Pagine: 293
Prezzo: 2,99€ (ebook) 
Dove Trovarlo: LINK DIRETTO.




In una fredda domenica di febbraio, nel bel mezzo del Carnevale, le strade di Luca e Isa si incrociano.
Lui, un fisico piegato dalle conseguenze di una bravata finita male e un senso di colpa enorme da gestire, per un ragazzo di ventun anni. Lei, razionale, diligente e all'apparenza infrangibile.
Complice l’annuale festa in maschera, Luca indossa il suo travestimento e trova il coraggio di avvicinarsi alla ragazza che ama da troppo tempo.
Una presenza fatta di paure inespresse e risposte non date, che si fa strada nella vita di Isa e la sconvolge senza chiedere il permesso.
Due anime distanti celate da differenti paure. Due maschere invisibili pronte a calare.
Ma non tutti sono disposti a mettersi a nudo, soprattutto quando c'è in ballo un passato, con i suoi fantasmi, che torna a bussare.
Quale verità nascondono gli incubi che tormentano Luca?
Chi saprà scavare oltre l'apparenza e sotto la maschera?

Prima di iniziare, volevo ringraziare la casa editrice per avermi dato l'opportunità di partecipare al review tour. Come ogni recensione, voglio iniziare con una citazione:
Il tempo, che vile traditore! Con lui scorre a una velocità inaudita. E' una folle clessidra che non si può invertire. Folle e avventata come me.
Oggi siamo catapultati in un altro mondo; perché l'universo di Isa e Luca è qualcosa di unico e speciale. Questa non è la classica storia d'amore. E' stata costruita sopra enormi dolori, costruita con tanto amore, con tanta pazienza e con tanta voglia di rivalsa su quella vita che è stata un po' ingiusta. Luca detesta il Carnevale. In lui fa sbocciare terribili ricordi, ricordi legati a Massimo, il suo migliore amico che ora non gli è più vicino. Isa ama il Carnevale, crede che sia una delle feste più belle. Nessuno ha più bisogno di nascondersi dietro a della maschere, perché le maschere ora si mettono in mostra. Lei aspetta il suo ipotetico principe azzurro, lui fa uno sforzo enorme per lei per uscire durante i festeggiamenti. Lui si avvicina senza farsi riconoscere, lei crede che sia un'altra persona. Fin da subito c'è attrazione. Lui è perso per lei da una vita, lei è attratta da questo misterioso ragazzo vestito tutto di nero. Nessuno dei due ne ha abbastanza. Si vogliono, si cercano e si amano. Sembra tutto perfetto, ma la vita non lo è.
Mi spoglia con gli occhi, poi fa l'amore con i miei pensieri.
Una storia d'amore nata con un malinteso, velata di mistero e di dolcezza che sa catturarti e rilasciarti a riva, prosciugata dalle tue forze. E' sicuramente un romano di ispirazione: non solo a livello creativo, ma anche a livello personale. L'autrice ha una penna magica: sa raccontare in modo particolare e dettagliato senza risultare pesante. Devo dire che all'inizio ho fatto davvero fatica ad entrare in sintonia con questo romanzo, probabilmente perché la spiaggia non è il luogo adatto per questo tipo di lettura. Sicuramente non è un libro da ombrellone: ha le sue zone scure che ti riempiono di tristezza e amarezza e zone piene di luce che ti fanno battere il cuore. E' un libro di maturazione, non solo per i protagonisti, ma anche per i lettori. E' un libro in parte straziante: ti entra dentro fin sotto la pelle, ti lacera l'anima e ti lascia ridotta in pezzi. Ti fa pensare, ti fa riflettere che forse la vita non è sempre così bella come tanti ti fanno credere. Al termine della lettura, mi sono fermata a pensare: ragionamenti indotti dall'esperienza di Luca. Sicuramente il tema del cambiamento, della rivincita contro una vita un po' ingiusta, è il pilastro portate. Luca, distrutto da cattive esperienze, cerca di rinascere dalle proprie ceneri. Un messaggio alquanto importante ed estremamente positivo: bisogna sempre cercare di riprendere in mano la propria vita, anche quando sembra che tutto sia perduto. Un altro tema importante è sicuramente quello delle maschere. Esso richiama molto la filosofia di Pirandello che, tra l'altro, viene citato nelle prima pagine con "Uno, Nessuno Centomila". Ognuno di noi si nasconde dietro a questa maschera, essa serve a proteggere il nostro "io" fragile che abbiamo paura di mostrare al mondo. Siamo così impauriti, terrorizzati dal fatto che la gente possa non apprezzare come siamo realmente, tanto da creare una facciata che copra il nostro vero aspetto. Solo poche persone riescono ad abbattere quei muri che ci siamo costruiti intorno, per poter vedere sotto quella maschera che a Carnevale esibiamo con tanta fierezza.
Il protagonista maschile è sicuramente un personaggio molto complesso a causa del suo passato. Per questo motivo si può rischiare di cadere nel banale o, addirittura, nel ridicolo, ma Annamaria Bosco è riuscita a creare un personaggio complesso, intrigante ed estremamente affascinante. Dalla sua esperienza si possono imparare molte cose e credo fermamente che sia la chiave per accedere ai messaggi che la scrittrice ci vuole comunicare. Purtroppo, la protagonista femminile l'ho trovata un po' irritante. Non riesce a concepire che il padre, per lavoro, deve allontanarsi da casa per alcuni mesi. Capisco che sia un passo difficile da sopportare, ma io sono nella sua stessa situazione. Mio padre viaggia spesso per lavoro e quando ero piccola stava via anche per più di tre mesi. Io me ne sono fatta una ragione, capisco che fa parte del suo lavoro e lo accetto senza piagnucolare come una bambina di cinque anni. Sotto questo punto di vista, ho trovato molto irragionevole il comportamento di Isa. Tralasciando questo dettaglio, il libro è molto bello. Merita di essere letto, magari non sotto l'ombrellone perché necessita dell'atmosfera giusta per essere compreso in tutte le sue sfumature.

Il mio voto:



mercoledì 11 luglio 2018

#6 WWW...Wednesday

Buongiorno miei carissimi lettori, dopo circa nove mesi torno con questa rubrica. Ora spero di essere più puntuale rispetto ai mesi scorsi. Vi ricordo che se volete comprare i libri che vi consiglio, vi chiedo gentilmente se potete farlo attraverso i link che vi lascio siccome sono affiliata ad Amazon. A voi non cambia nulla, non pagate nulla di più, ma se fate i vostri acquisti tramite i miei link, Amazon mi da un piccola percentuale del prezzo di copertina del libro. I soldi guadagnati, mi servono per alimentare il blog. Grazie per il supporto.


 

Titolo: Il Sognatore
Autore: Laini Taylor
Casa Editrice: Fazi Editore
Data d'uscita: 5 luglio 2018
Pagine: 524
Prezzo: 14,50€
Dove Trovarlo:


LINK DIRETTO

È il sogno a scegliere il sognatore, e non il contrario: Lazlo Strange ne è sicuro, ma è anche assolutamente.certo che il suo sogno sia destinato a non avverarsi mai. Orfano, allevato da monaci austeri che hanno cercato in tutti i modi di estirpare dalla sua mente il germe della fantasia, il piccolo Lazlo sembra destinato a un'esistenza anonima. Eppure il bambino rimane affascinato dai racconti confusi di un monaco anziano, racconti che parlano della città perduta di Pianto, caduta nell'oblio da duecento anni: ma quale evento inimmaginabile e terribile ha cancellato questo luogo mitico dalla memoria del mondo? I segreti della città leggendaria si trasformano per Lazlo in un'ossessione. Una volta diventato bibliotecario, il ragazzo alimenterà la sua sete di conoscenza con le storie contenute nei libri dimenticati della Grande Biblioteca, pur sapendo che il suo sogno più grande, ossia vedere la misteriosa Pianto con i propri occhi, rimarrà irrealizzato. Ma quando un eroe straniero, chiamato il Massacratore degli Dèi, e la sua delegazione di guerrieri si presentano alla biblioteca, per Strange il Sognatore si delinea l'opportunità di vivere un'avventura dalle premesse straordinarie.










Titolo: Sei tutto il mio cuore
Autore: Melanie Marchande
Casa Editrice: Newton Compton Editori
Data d'uscita: 24 maggio 2018
Pagine: 250
Prezzo: 6,90€
Dove Trovarlo:



LINK DIRETTO

Nel mio letto c'è un miliardario sexy e sarcastico, e ha un anello al dito. Com'è successo? Ah, già. L'anno scorso ho scoperto che il mio insopportabile capo era segretamente un autore di bollenti romanzi rosa, e io la sua ignara musa. Questo genere di cose incanta facilmente una ragazza, soprattutto se è un po' svitata. Per fortuna io non sono un'amante della normalità. Prossima fermata, un felice matrimonio! Cosa potrebbe mai andare storto?



Titolo: Lo sapevi che I MISS YOU?
Autore: Estelle Maskame
Casa editrice: Salani Editore
Data d'uscita: 18 gennaio 2018
Pagine: 359
Prezzo: 16,90€
Dove Trovarlo:



LINK DIRETTO.

Eden Munro ha deciso di non pensare più a Tyler Bruce. Il loro amore impossibile è finito quando lui, l'estate precedente, è partito lasciandola sola a Santa Monica a gestire le conseguenze della notizia bomba che ha distrutto la loro famiglia. Lei si è iscritta all'Università di Chicago e fa del suo meglio per andare avanti con la sua vita. Quando torna a Santa Monica per le vacanze estive però scopre di non essere l'unica a essere tornata... Tyler la cerca, ma Eden è ancora furiosa e non ha nessuna voglia di ascoltare quello che ha da dire. Una convivenza forzata li metterà ancora una volta faccia a faccia. Nella mente di Eden si affollano tante domande: dov'è stato Tyler per un anno intero? È davvero così distante da lui come vorrebbe credere? È il momento di fare i conti con i sentimenti e di capire, una volta per tutte, se Eden e Tyler riusciranno a far funzionare le cose nonostante la famiglia e le difficoltà. «Lo sapevi che I miss you?» è il capitolo conclusivo della trilogia di Dimily.

Titolo: Dentro il tuo respiro
Autore: Annamaria Bosco
Casa editrice: Les Flâneurs Edizioni 
Data d'uscita: 26 giugno 2018
Pagine: 293
Prezzo: 2,99€
Dove Trovarlo:



LINK DIRETTO.

In una fredda domenica di febbraio, nel bel mezzo del Carnevale, le strade di Luca e Isa si incrociano.
Lui, un fisico piegato dalle conseguenze di una bravata finita male e un senso di colpa enorme da gestire, per un ragazzo di ventun anni. Lei, razionale, diligente e all'apparenza infrangibile.
Complice l’annuale festa in maschera, Luca indossa il suo travestimento e trova il coraggio di avvicinarsi alla ragazza che ama da troppo tempo.
Una presenza fatta di paure inespresse e risposte non date, che si fa strada nella vita di Isa e la sconvolge senza chiedere il permesso.
Due anime distanti celate da differenti paure. Due maschere invisibili pronte a calare.
Ma non tutti sono disposti a mettersi a nudo, soprattutto quando c'è in ballo un passato, con i suoi fantasmi, che torna a bussare.
Quale verità nascondono gli incubi che tormentano Luca?
Chi saprà scavare oltre l'apparenza e sotto la maschera?


martedì 10 luglio 2018

REVIEW TOUR - "The Studying Hours" di Sara Ney

Buongiorno miei carissimi lettori, come state? Siete in vacanza? Io sono al mare ormai da una settimana e non posso essere più contenta: passo le giornate a leggere tantissimo! Oggi vi parlo del libro "The Studying Hours" di Sara Ney, primo libro della serie How To Date A Douchebag. Vi ricordo che se volete comprare i libri che vi consiglio, vi chiedo gentilmente se potete farlo attraverso i link che vi lascio siccome sono affiliata ad Amazon. A voi non cambia nulla, non pagate nulla di più, ma se fate i vostri acquisti tramite i miei link, Amazon mi da un piccola percentuale del prezzo di copertina del libro. I soldi guadagnati, mi servono per alimentare il blog. Grazie per il supporto.



Titolo: The Studying Hours
Autore: Sara Ney
Casa editrice: Hope edizioni
Data d'uscita: 16 giugno 2018
Pagine: 285
Prezzo: 5,99€
Dove Trovarlo:


LINK DIRETTO.
ROZZO. ARROGANTE. STRONZO.
Non c’è dubbio al riguardo, Sebastian Oz Osborne è il miglior atleta dell’università ma anche il più grande stronzo. Un cliché ambulante, sempre pronto a dire sconcezze, un corpo fantastico, uno a cui non frega un cazzo di ciò che pensa la gente.

INTELLIGENTE. ELEGANTE. CONSERVATRICE.
Non si cada in errore, Jameson Clarke può anche essere la studentessa più diligente della scuola, ma di certo non è una puritana. Trascorrendo la maggior parte del suo tempo tra le sacre mura della biblioteca, James diffida di guardoni, atleti e stronzi e Oz Osbourne ha tutte queste qualità. Lei è brillante, sarcastica e il contrario di ciò che lui immagina.

Ogni stronzo ha le sue debolezze.
Lui vuole esserle amico.
Lui Vuole passare del tempo con lei.
Lui Vuole farla impazzire.
Lui Vuole lei.
Fine della conversazione in chat

Digita un messaggio...


Durante una delle classiche giornate di mare, dove l'unico pensiero è quello di avere tra le mani un buon libro da leggere mentre si prende il sole, ho deciso di abbandonare temporaneamente la lettura che stavo facendo per iniziare questo libro. Sinceramente, all'inizio non sapevo cosa aspettarmi perchè quasi, dico quasi, non sapevo nemmeno di cosa parlasse questo libro, ma è stato una dolcissima sorpresa. Oggi parliamo di Oz Osbourne e Jameson Clarke.
Oz a prima vista, sembrerebbe il classico ragazzo a cui tutto è dovuto: pieno di soldi, a cui non gli interessa nulla tranne che divertirsi e a cui piacciono molto le donne. Purtroppo, capita spesso di giudicare erroneamente una persona grazie al loro aspetto esteriore, infatti lui non è come può sembrare. Ama il suo sport, il wrestling, e frequenta l'università grazie a una borsa di studio. Per questo motivo si impegna davvero nello studio, perché ci tiene a quello che fa e per non gravare sulle spalle della famiglia, sebbene non possa, lavora di notte quando dovrebbe studiare o riposare. La sua vita è fatta di sacrifici per poter essere la persona che vuole, il suo unico sfizio sono le donne. Anche a lui, come ogni protagonista maschile di questo genere, gli piace scaricare la tensione con una bella donna.
Jameson, detta James, passa la maggior parte del suo tempo in biblioteca a studiare. Sembra la classica ragazza solo casa e studio, con i suoi mille cardigan, la sua collana di pelle e i suoi occhiali dalla spessa montatura. Anche in questo caso, tutti noi abbiamo fatto un errore di valutazione: l'apparenza inganna. Durante una sessione di studio intensivo in biblioteca, viene disturbata da un tavolo di ragazzi super muscolosi che sghignazzano. Infastidita torna al suo lavoro, ma dopo poco sente che qualcuno è entrato nel suo spazio vitale. E' Oz che deve chiederle se è una tutor per un suo amico. Dopo aver risposto sgarbatamente, lascia Oz in balia dei suoi compagni. Loro lo sfidano, per 500 dollari a baciare la "bibliotecaria". A Oz farebbero comodo quei soldi ed è sicuro che nessuna donna riesca a resistere al suo fascino. Purtroppo si sbaglia, James non è interessata a questo tipo di avventura, ma pensandoci bene: perché non soddisfare la curiosità guadagnando 250 dollari? Nonostante il caso fosse chiuso, entrambi sembrano non aver completamente chiuso con l'altro/a. Cosa succederà allora? Nessuno dei due vuole impegnarsi, quindi come si risolverà la faccenda?
Questo libro è una ventata di aria fresca, un'avventura piena di emozioni, una dolce sorpresa. E' stata una piacevolissima scoperta: non mi sarei mai aspettata che mi sarebbe piaciuta così tanto! Ho adorato alla follia il rapporto che si è instaurato tra i due protagonisti. Caratterialmente opposti, ogni volta che si trovano nella stessa stanza è tutto uno stuzzicarsi e un prendersi in giro. Il loro rapporto è giocoso, passionale e molto forte. Difficilmente si riesce a trovare qualcuno con cui instaurare un legame così bello.Entrambi i protagonisti sono ben delineati, nessuno dei due soccombe all'altro grazie ai loro caratteri forti. Anche l'ambientazione mi è piaciuta molto: tra poco anch'io frequenterò l'università ed è stato piacevole leggere una storia ambientata nel mio futuro mondo. Lo stile di scrittura è molto fluido, ti cattura fin dalle prime righe per portarti alla scoperta di questa nuovissima storia d'amore. Purtroppo, durante la lettura ho trovato alcuni piccoli errori causati probabilmente dalla battitura distratta, ma nonostante questi piccoli incidenti di percorso, il libro merita davvero.
Come in ogni recensione, voglio soffermarmi sempre su quei temi o caratteri di importanza rilevante. In questo caso, il primo argomento che spicca subito all'occhio è il grandissimo problema dei pregiudizi. Anche se non si vuole, succede sempre che giudichiamo erroneamente una persona dal suo aspetto esteriore. E' un problema attuale e molto importante che è stato sviluppato con maestria dall'autrice; infatti, il suo messaggio è quello di imparare a conoscere una persona prima di poterla giudicare. Questo di per se è il tema principale della storia. Vi consiglio la sua lettura, soprattutto se siete al mare, a prendere il sole senza saper cosa fare. Vi terrà davvero compagnia. Il mio voto:



Vi lascio le altre tappe del tour:


#18 Segnalazione - "Fino a perdermi nel tuo abbraccio" di Denise Aronica




















Buongiorno miei carissimi lettori, oggi vi voglio segnalare un romanzo che esce proprio oggi per Delrai Edizioni firmato Denise Aronica. Vi ricordo che se volete comprare i libri che vi consiglio, vi chiedo gentilmente se potete farlo attraverso i link che vi lascio siccome sono affiliata ad Amazon. A voi non cambia nulla, non pagate nulla di più, ma se fate i vostri acquisti tramite i miei link, Amazon mi da un piccola percentuale del prezzo di copertina del libro. I soldi guadagnati, mi servono per alimentare il blog. Grazie per il supporto.


Titolo: Fino a perdermi nel tuo abbraccio
Autrice: Denise Aronica
Serie: Crisalide series #1
Editore: Delrai Edizioni
Data d'uscita: 10 luglio
Pagine: 288
Prezzo ebook: € 3,99
Prezzo cartaceo: € 16,50 
Dove Trovarlo:
OPPURE CLICCA QUI.
Olivia ha una seria dipendenza dalla lettura. Da quando la sua vita è cambiata, il suo rifugio preferito sono le pagine di un libro. Lei e suo fratello abitano a casa dei nonni e la vita scorre all’apparenza normale quando si vivono vite non proprie: non ci si aspetta nulla dai personaggi dei romanzi, perciò non si soffre. È quando viene loro proposta una vacanza a casa della migliore amica della loro madre che tutto cambia. Veronica è una donna forte, con un figlio nerd affascinante e costantemente alle prese con i videogiochi. Daniel e Olivia sembrano parlare due lingue diverse, eppure sono simili: entrambi si proteggono dal mondo, entrambi non vogliono confrontarsi con la realtà ma preferiscono viverla attraverso uno schermo, che sia quello dell’e-reader o di una console. È quando prendono consapevolezza di questo che la loro esistenza subisce una svolta, e così anche i loro sentimenti. Il romanzo d’esordio di un’autrice italiana che sa scavare nel profondo dell’anima. Quando due anime all’apparenza diverse si incontrano, non c’è più bisogno di parole, ma di sguardi teneri e complici. Esiste una crisalide dentro ognuno di noi e la vita ci sfida a rinascere come farfalle.

La Crisalide Series sarà composta da tre romanzi autoconclusivi. I seguiti vedranno come protagonisti alcuni dei personaggi secondari introdotti in questo primo volume.


Denise Aronica ha una grande passione: le parole in ogni loro forma. L’amore per la lettura la accompagna fin da bambina, grazie ai suoi genitori che le leggevano una favola prima di andare a dormire e le hanno trasmesso il desiderio di viaggiare con la fantasia. Quando il lavoro non la impegna, dedica il suo tempo a scrivere romanzi dei generi più svariati e a gestire il suo blog. Ha una natura profondamente nerd, infatti non può fare a meno di guardare serie tv e scoprire nuovi giochi da tavolo, ma questa è un’altra storia. Fino a perdermi nel tuo abbraccio è il suo romanzo d’esordio per la Delrai Edizioni, il primo della Crisalide Series.

DALLA QUARTA DI COPERTINA

«Allora è così che fai di solito?» gli domando, stando sul vago.

«Non capisco.»

«Per rimorchiare. Provi con qualche riferimento letterario, in modo da mostrarti colto, e poi porti le ragazze a fare lezione di guida? Funziona? È una strategia che ti riservi per il primo appuntamento?»


Daniel ride. «In realtà non mi era mai capitato di dare “lezioni di guida” a nessuno» dice, facendomi arrossire al pensiero che questa premura l’abbia avuta soltanto nei miei riguardi. «E di solito comunque, preferisco i riferimenti ai videogiochi, rispetto a quelli letterari. Se le ragazze non sono nerd abbastanza da afferrarli, non mi prendo neanche il disturbo di uscirci» ribatte, voltandosi poi per strizzarmi l’occhio. «Come nella serie di Super Mario. Hai presente, no? Mario deve conquistarsela, la principessa Peach, livello dopo livello. Fungo malefico dopo fungo malefico.»


La vita è decisamente migliore tra le pagine di un libro. Ha un inizio e una fine, delle regole, è più composta. Si ride, si piange, ci si emoziona, ma senza rischiare di farsi male. Mai. C’è tutto da guadagnare e niente da perdere.


Progetto grafico a cura di Catnip Design


domenica 8 luglio 2018

#17 Segnalazione - "Cenere Sulla Brughiera" di Francesca De Angelis

Buona sera miei carissimi lettori, oggi vi segnalo un libro di un'autrice emergente. Spero di poter stuzzicare la vostra curiosità, alla prossima!


Titolo: Cenere sulla Brughiera
Editore: Arduino Sacco Editore
Autore: Francesca De Angelis
Data di pubblicazione: settembre 2016
ISBN: 978-88-6951-219-3
Numero pagine: 228
Dove Trovarlo: www.arduinosaccoeditore.eu


Catherine Barret nacque in una piccola cittadina dello Yorkshire, crescendo felice fra le brughiere che caratterizzano quei luoghi. Un infanzia ridente che sembrava poter durare in eterno viene spezzata dalla morte dei suoi genitori Elizabeth e Robert Barret. Cathy assieme alla nonna Mary e alla sua infantile zia Clarisse viene è costretta ad immigrare negli Usa. Dopo la morte della nonna, seguita successivamente da quella della zia, Catherine viene affidata ai Finch una coppia snob e sgarbata che la maltratta in continuazione. La ragazza troverà un po' di sollievo con l'amicizia e successivamente storia d'amore con il tormentato Logan suo compagno di classe, ragazzo fragile che cela la sua infelicità con un facciata allegra e solare. Dopo giorni di idillio, Logan scompare. Catherine dovrà così fronteggiare da sola il bullismo dei suoi compagni di classe. Fra mille peripezie dopo essere scampata ad una violenza di gruppo da parte dei suoi compagni, si ritroverà a fuggire per la campagna, braccata dalla polizia che la considera responsabile della morte dei suoi amici e dei suoi genitori adottivi. Cathy da innocente verrà condannata alla pena capitale dopo essersi ricongiunta con Logan ed aver appreso di essere stata usata da John Cabol un perfido avvocato amico dei Finch, assassino degli stessi che ha visto in lei lo strumento ideale per
realizzare i suoi loschi piani. Il lieto fine arriverà solo con la pace eterna, poiché nelle mie storie spesso è solo l'aldilà il luogo di pace. Nei miei racconti i protagonisti sono quasi sempre ragazzi soli e gli adulti che dovrebbero proteggerli diventano spietati carnefici senz'anima. Solo gli adulti deboli, in questo caso rappresentati dall'infantile ed un po' pazza zia Clarisse e gli anziani nonni di Logan rappresentano il bene che però è sempre destinato a soccombere. In questo romanzo ispirato a “Cime Tempestose” spesso citato nel libro come romanzo preferito dalla protagonista ho voluto rappresentare il lato oscuro nel mondo dove la vita, la felicità e l'amore vengono abbattuti dal denaro e dalla sete di potere qui rappresentati dal malvagio avvocato Cabol.


Francesca De Angelis nacque a Roma il 10-04-1991 in una gelida giornata di primavera, l'unica sopravvissuta ad potenziale parto plurigemellare. Per avere un quadro di quella che fu la sua infanzia, basta guardare uno di quei film anni 30 con protagonista Shirley Temple dove il lieto fine è presto detto. Le sua giornate erano scandite dalla scuola e dai giochi con gli amici sotto l'occhio vigile della nonna, una signora energica e un po' mascolina che le raccontava spesso le storie e le leggende che aveva appreso dal paesino di montagna dov'era cresciuta. Così nutrita da storie su fate, folletti e principesse l'immaginazione
della piccola Francesca iniziò ad essere fertile. Un contributo venne anche dalla florida e grassottella zia materna che ogni pomeriggio, aiutata dalla collana dei libri “I Quindici” rendeva ancora più forte il suo desiderio di lettura. C'era un periodo della sera, che Francesca trovava magnifico in cui il buio cadeva
sulla casa della nonna, dove ogni angolo poteva celare un mistero od un bizzarro animale. Essa appariva agli occhi della bimba come un castello incantato. Qualche anno dopo il castello incantato arrivò davvero. A nove anni, dopo la morte della nonna, seguita a breve da quella della zia, la depressione iniziò a
divagare nel suo corpicino spingendolo a vedere il lato più orribile del mondo. Qualcuno però non voleva vederla soffrire. Il giorno del suo decimo compleanno qualcuno le recapitò un regalo molto speciale che cambiò per sempre la sua vita. Il regalo era il terzo volume della saga di Harry Potter, della scrittrice
britannica J.K. Rowling che divenne da allora la sua Fata Madrina cosmica. Quel romanzo le fece capire come la scrittura, il semplice poggiare una penna su un figlio potesse rinvigorire il suo animo in maniera ancora maggiore di quanto potesse fare qualunque medicina. Da ragazzina Francesca prese ad amare la
scrittura e usando delle vecchie bambole prese a dar vita ai suoi personaggi. Oggi, che la sua vita è passata per un quarto ha da poco pubblicato il suo primo romanzo “Cenere sulla Brughiera” per la casa editrice Arduino Sacco. E, sebbene il cammino verso la felicità sia ancora lungo e tortuoso, la ragazza continua a scrivere non volendo mai abbandonare l'attività che ama di più e che la salva ogni giorno dal finire nel baratro.



Recensione - "L'Effetto Grant" di Aurora Redville

Buongiorno miei carissimi lettori, anche se è domenica sono qui a lavorare per voi. Come avete potuto intuire dal titolo, oggi vi porto una nuova recensione in collaborazione con Book A Book che ringrazio. Vi ricordo che se volete comprare i libri che vi consiglio, vi chiedo gentilmente se potete farlo attraverso i link che vi lascio siccome sono affiliata ad Amazon. A voi non cambia nulla, non pagate nulla di più, ma se fate i vostri acquisti tramite i miei link, Amazon mi da un piccola percentuale del prezzo di copertina del libro. I soldi guadagnati, mi servono per alimentare il blog. Grazie per il supporto.


Titolo: L'effetto Grant
Autore: Aurora Redville
Casa Editrice: Bookabook
Data d'uscita: 28 giugno 2018
Pagine: 484
Prezzo: 18,00€
Dove Trovarlo

OPPURE CLICCA QUI.


A poche ore dal suo arrivo a Londra, sotto lo stupendo tetto di acciaio e vetro del British Museum, Aurora incrocia lo sguardo di Daniel Grant, il suo idolo, l'attore che ammira da sempre e che fino a quel momento ha solo potuto sognare. Ora è di fronte a lei, le sorride e si offre di farle da guida turistica per la città. Tra i due scatta la scintilla, ma i giorni volano e il rientro a Milano di Aurora è sempre più vicino. Ben presto i ragazzi dovranno fare i conti con le proprie emozioni e con una passione irrefrenabile, che rischia di travolgere tutto. Aurora però non vuole abbandonare la sua vita in Italia e deve trovare un equilibrio, tra incertezze, interrogativi, paure, dubbi... e il sorriso da svenire di Daniel! Vale forse la pena vivere il presente e affrontare le esperienze una alla volta, con il coraggio che solo chi si innamora sa trovare?


Oggi veniamo catapultati nella storia di Aurora, giovane ragazza sarda che per questioni di studio si è trasferita a Milano. Essendo la città molto cara, ha bisogno di lavorare per mantenersi. Stressata a livelli inimmaginabili, decide di staccare dall'università e dal lavoro per due settimane andando a trovare i suoi cugini a Londra. La prima tappa, non può essere se non il British Museum dove tra mille colori e dolci sussurri, si trova a prendere fiato su una panchina accanto all'uomo dei suoi sogni: Daniel Grant. Inizialmente prova un approccio dolce e delicato, per non dare nell'occhio come fan impazzita, ma vede che non sortisce alcun effetto. Per questo motivo decide di abbandonare la sua missione e di proseguire il giro. Nonostante il cuore a pezzi, a causa del palese rifiuto, mentre sale le scale per proseguire nel tour si volta per vedere per l'ultima volta gli occhi di quell'attore che l'hanno sempre fatta sognare. Sono spariti: un po' confusa prosegue la sua camminata. Ad un certo punto, viene avvicinata da un uomo...Daniel Grant. Così proseguono la loro visita insieme, o meglio, l'intera giornata. Cosa succedere alla scoccare del "coprifuoco"? 
I baci sono come il nettare, non sei mai sazio, e questo è l'effetto Grant.
Parto con l'analizzare la parte che spicca più all'occhio. Ogni capitolo è diviso in giorni e ho trovato questa idea molto particola e azzeccata, in quanto rende più tangibile lo trascorrere del tempo fino al giorno della partenza di Aurora. Un'idea molto innovativa che ancora non avevo avuto il piacere di trovare nelle mie letture. Questo è un grandissimo punto a favore. Ora parliamo dei personaggi.
Aurora, la protagonista femminile, ha avuto coraggio ad abbandonare tutto per poter "ritrovare se stessa". Difficilmente trovo dei personaggi donna che riesco ad apprezzare senza trovare qualcosa da ridire. La protagonista ha carattere, gioia di vivere, energia da regalare ed è stata capace di cogliere l'attimo e di viverlo appieno. Tutti siamo capaci di consigliare alle altre persone di vivere la vita come meglio credono, ma non siamo in grado di seguire noi stessi questo consiglio e credo che, per questo motivo, la nostra Aurora sia un buon esempio. Daniel Grant, attore importante, nonostante la sua grande fama, ha trattato al meglio la protagonista senza cedere dello scontato: intendo riferirmi a quelle persone famose che non escono con le persone comuni perché si credono più importanti dei comuni mortali. Ha saputo apprezzare appieno quello che la vita ha decido si "regalargli". Ottimo personaggio maschile. Solitamente si trova nei romanzi rosa un personaggio dal carattere forte e uno che è l'anello debole della coppia. Questo non è il caso: Aurora Redville è stata capace di valorizzare sia gli aspetti positivi che negativi del carattere di entrambi i personaggi sapendo creare con la sua penna magica una coppia armoniosa che sa completarsi. Entrambi i protagonisti hanno un carattere forte e ben delineato e nessuno dei due si fa mettere i piedi in testa. Lei focosa, lui passionale.
In Aurora si vede un grande cambiamento causato da questo viaggio: si vede come il personaggio sia maturato durante il soggiorno a Londra, come abbia rivisto il suo "elenco priorità" e come sia diventata finalmente un'adulta.
Anche i personaggi secondari hanno dato una marcia in più al racconto.
Dopo aver parlato così bene però sono costretta a sottolineare anche gli aspetti che non mi sono particolarmente piaciuti del libro. Ci tengo a precisare che il mio è un parere soggettivo: quello che a me non è piaciuto, magari a voi piace.
Innanzitutto, un aspetto che non sono riuscita ad apprezzare appieno sono state le descrizioni estremamente dettagliate. Molte persone trovato questa caratteristica molto importante per immedesimarsi nella Londra raccontata, ma io ho trovato solamente che descrizioni così particolareggiate mi abbiano reso la lettura più pesante; inoltre avrei preferito alcune scene in più dei nostri protagonisti fuori dalla casa, in mezzo alla gente, lasciando più spazio alle loro "avventure" e un po' meno alle descrizioni. Un altro aspetto che vorrei far notare è che il libro, secondo me, ha troppe pagine. Ci sono dei romanzi che sono troppo brevi e alcuni troppo lunghi. Penso che in questo caso, un centinaio di pagine in meno avrebbero reso la lettura più coinvolgente. Detto ciò, è arrivato il momento di rispondere alla domanda che mi è stata posta dalla casa editrice che mi ha chiesto di partecipare a questo progetto:



Da che luogo sei tornata cambiata?

Devo dire che in un primo momento questa domanda mi ha spiazzato. Da quando mi è stata posta fino ad ora non ho una risposta precisa. Penso che nessun viaggio mi abbia cambiato così profondamente come Aurora, ma posso citarvi alcuni esempi di viaggi che in parte hanno contribuito alla mia crescita personale. Parto con il nominare il primissimo viaggio: la scoperta del mondo della lettura grazia allo zio Rick Riordan. Grazie a lui sono entrata in questo favoloso universo che mi ha resa le persona, e la blogger, che sono.
Un altro viaggio è sicuramente il mio primissimo viaggio da sola all'estero. Sono partita per una settimana in Inghilterra dove ho abitato con una famiglia. Per la prima volta in vita mia, mi sono sentita una persona "adulta" e finalmente ho capito che posso contare su me stessa e che, a volte, mi basto. Quando sono tornata a casa, ho visto tutto con occhi diversi.

vi lascio con una delle più belle citazioni:


“Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito … perché la lettura è un’immortalità all’indietro”
(Umberto Eco)

Il mio voto:

.5

E voi, da dove siete tornati cambiati?

mercoledì 4 luglio 2018

Recensione "L'incantesimo della spada" di Amy Harmon











Buongiorno miei carissimi lettori, come state? Oggi vi porto la recensione di questo gioiellino edito Newton Compton. Vi ricordo che se volete comprare i libri che vi consiglio, vi chiedo gentilmente se potete farlo attraverso i link che vi lascio siccome sono affiliata ad Amazon. A voi non cambia nulla, non pagate nulla di più, ma se fate i vostri acquisti tramite i miei link, Amazon mi da un piccola percentuale del prezzo di copertina del libro. I soldi guadagnati, mi servono per alimentare il blog. Grazie per il supporto.


Titolo: L'incantesimo della spada
Autore: Amy Harmon
Casa Editrice: Newton Compton Editori
Data d'uscita: 5 luglio 2018
Pagine: 384
Prezzo: 12,00€
Link per l'acquistohttps://amzn.to/2lSejZ0

Il giorno in cui mia madre è stata uccisa, ha detto a mio padre che non avrei mai più pronunciato una sola parola e che se fossi morta, lui sarebbe morto con me. Predisse anche che il re avrebbe venduto la sua anima e avrebbe ceduto suo figlio al cielo. Da allora mio padre attende di poter avanzare la sua pretesa al trono e aspetta nell'ombra che tutte le parole di mia madre si avverino. Desidera disperatamente diventare re. Io voglio solo essere finalmente libera. Ma la mia libertà richiede una fuga e io sono prigioniera della maledizione di mia madre tanto quanto dell'avidità di mio padre. Non posso parlare o emettere suoni. Non posso impugnare una spada o ingannare un re. In un regno in cui gli incantesimi sono stati banditi, l'unica magia rimasta potrebbe essere l'amore. Ma chi potrebbe mai amare... un uccellino?


Prima di iniziare, volevo ringraziare la Newton Compton per aver ricevuto il libro in anteprima. Grazie di cuore per pensare a noi blogger! 

Ho iniziato a leggere questo libro, la sera dopo l’orale della maturità e non riuscivo più a staccarmi, ma la stanchezza ha avuto la meglio sulla mia volontà. Prima di parlare di quanto mi sia piaciuto questo libro, come sempre vi scrivo una delle citazioni più belle:


“Se scappi, Lark, ti riporterò indietro. Ho bisogno di te”

Ho bisogno di te. Quelle parole erano così seducenti. Così allettanti. Ho bisogno di te. Prima di quel momento, nessuno aveva mai avuto bisogno di me.

Oggi cambiamo completamente ambientazione, non siamo nel nostro mondo ma in quello di Lark. Il suo mondo è molto particolare: le persone che sono diverse, che hanno il Dono, vengono perseguitate. Mutaforma, Indovini, Guaritori, Tessitori, coloro che avevano ricevuto alla nascita quei doni speciali, cominciarono a temere i loro stessi poteri e, di conseguenza, tennero nascosti i loro poteri. Sua madre era un’Indovina, e le sue parole erano magiche: lei parlava, e le parole prendevano vita. Era solo una bambina quando sua madre è stata trucidata dal re troppo bigotto per sfruttare questi doni. Impaurito, assetato di potere e tiranno: l’uomo che ha distrutto la vita di una povera bambina ingenua e speciale. Da quel giorno, si trova a inghiottire le sue parole piene di potere. Muta e vulnerabile si trova alle prese con un padre troppo impaurito per lasciarla volare via a causa delle ultime parole di Meshara, la madre di Lark. In quel periodo la città è sotto assedio a causa dei Volgar, creature mistiche: metà umani e metà bestie. A causa di pochi uomini sul fronte, il figlio di re Zoltev, Tiras che è diventato re, fa incursione a Corvyn, la città natale di Lark. Lei viene rapita dal re per assicurarsi un contingente militare sul fronte, in quanto Lord Corvyn non gli è completamente fedele. Nella strada del ritorno verso il castello, vengono attaccati dai Volgar e per la prima volta Lark usa il suo potere per far scappare queste bestie volanti. Lei ancora non si è resa conto di quello che è capace di fare; passando i giorni a guardare fuori dal balcone della sua camera, non ha modo di ripercorrere i passi che l’hanno portata a compiere questo gesto eroico. Il re sempre più affasciato, deciderà di non lasciarla più andare via…


“Non ho nessun posto dove andare”, lo rassicuravo. “Non hai nessuna ragione per restare”, ribatteva lui.

Quando ricevetti questo libro tra le mie mani, a stento sapevo di cosa parlasse, ma tutti erano e sono in trepidante attesa per la sua uscita. Siccome in quel momento avevo bisogno di una lettura fuori dagli schemi, diversa dal solito, ho decido di iniziare questa nuova avventura. Non sapevo cosa aspettarmi, non sapevo se lo stile di scrittura dell’autrice mi sarebbe piaciuto, non sapevo se la storia mi avrebbe catturato. E così è stato. Erano mesi che non leggevo un libro così ben strutturato, articolato nella sua storia senza essere troppo difficile. Mi mancava poter leggere di mondi lontani da noi, ma non così tanto. Amy Harmon ha creato un capolavoro: un insieme di dolci parole armoniose che creano qualcosa di unico, raro e irripetibile. È riuscita a tessere la sua storia, intrecciato gli invisibili fili in modo strabiliante. Durante la lettura, hai sempre quel desiderio incessante di poter essere dentro alla storia con i tuoi amati personaggi: sei sempre più curioso di vedere e accarezzare i bianchi capelli del re Tiras, di poter far arrabbiare un pochino Kjell e di poter aiutare Lark a ritrovare le sue parole. Siamo sempre in cerca di storie nuove e questa ne è all’altezza. Non ho trovato banale nessun dettaglio, il tutto creava un insieme armonioso di immagini che mi hanno lasciato senza fiato. Questo è sicuramente uno dei libri che finirà della mia top10 del 2018.


Stavo cerando disperatamente di nascondergli le mie parole, e così il mio ordine fu piuttosto un desiderio essenziale, e non un incantesimo ben formulato. A stento sapevo cosa stavo tentando di fare quando all'improvviso Tiras incombette su di me, premendo la bocca contro la mia.

È una lettura che consiglio vivamente, perché sebbene non sembra ambientata nel nostro mondo fa comunque riflettere. I temi sviluppati sono molto rilevanti come, ad esempio, la discriminazione e la persecuzione del diverso. È un tema molto rincorrente, ma non sempre sviluppato in tutte le sue sfumature. In questo caso, l’autrice è riuscita a trattarlo senza cadere nel “ridicolo”. Un altro punto a suo favore è sicuramente il fatto che non ha espresso la sua opinione al riguardo, almeno non in modo esplicito, così il lettore non viene influenzato nel suo processo di elaborazione dell’argomento. Un altro tema molto importante che sembra essere legato al passato, ma purtroppo non sempre è così, è il problema di una società prettamente maschilista, dove la donna difficilmente viene considerata. Purtroppo, alcune volte succede anche nel mondo odierno, dove le donne per farsi sentire devono fare il doppio della fatica. Un chiaro esempio è questa citazione:


“Mi sentivo rivendicata senza essere voluta.”


VALUTAZIONE: